Sindrome del midollo ancorato e sindrome del filum terminale occulto teso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sindrome del midollo ancorato e sindrome del filum terminale occulto teso

Messaggio Da Alessia Massaccesi il Gio 10 Apr 2014 - 17:38

Sindrome del midollo ancorato o disrafismo spinale occulto

E' un disturbo neurologico causato da aderenze tissutali che limitano il movimento del midollo spinale all'interno della colona vertebrale.

Queste aderenze provocano uno stiramento anomalo del midollo spinale.

L'andamento è di tipo progressivo. 

La sindrome del midollo spinale ancorato può essere non diagnosticata fino all'età adulta quando si manifestano problemi motori e di sensibilità e si presenta una perdita del controllo dell'intestino e della vescica.

Il ritardo nella manifestazione dei sintomi e' relativa al grado di stiramento del midollo nel corso del tempo.

Cause
La sindrome del midollo ancorato sembra essere dovuta all'impropria formazione del tubo neurale durante lo sviluppo fetale ed e' strettamente legata alla spina bifida.

L'ancoraggio può anche svilupparsi dopo un incidente al midollo spinale e il tessuto cicatriziale può così bloccare lo scorrere del fluido cerebro spinale intorno al midollo.

La pressione del fluido può causare la formazione di cisti all'interno del midollo spinale, condizione chiamata Siringomielia.

Ciò può portare a ulteriori problemi motori e di sensibilità oppure all'insorgenza di dolori o di sintomi relativi al sistema nervoso periferico.

Sintomi

  • Urgenza nell'urinare;
  • Minzione frequente;
  • Incontinenza urinaria;
  • Ritenzione urinaria;
  • Minzione notturna frequente;
  • Difficoltà nell'iniziare a urinare;
  • Stitichezza;
  • Diarrea;
  • Incontinenza occasionale delle feci;
  • Diminuzione del desiderio sessuale;
  • Difficoltà nel raggiungere l'orgasmo;
  • Diminuzione di sensibilità nell'area pelvica;
  • Dolore alla parte bassa della schiena;
  • Dolore alle gambe;
  • Intorpidimento della pianta del piede;
  • Posizionamento delle ginocchia piegate durante la notte;
  • Dolore nella parte bassa della schiena e alle gambe e problemi urinari salendo le scale;
  • Forti dolori "di crescita" durante l'infanzia e l'adolescenza.

Trattamento
Nei bambini si raccomanda di effettuare il più presto possibile l'intervento chirurgico per prevenire un ulteriore deterioramento neurologico.

L'intervento di disancoraggio si rende raccomandabile solo quando si evidenziano sintomi o segnali clinici di deterioramento.

La durata dell'intervento è di circa quattro - sei ore ma può variare in base al grado di ancoraggio.

Di solito la degenza in ospedale dura dai quattro ai cinque giorni.

Prognosi
Con l'intervento chirurgico, le persone affette da midollo ancorato hanno un'aspettativa di vita normale.

Comunque alcuni danni neurologici e motori possono non essere completamente risolti.

Sindrome del filum terminale occulto teso.
La sindrome del filum terminale occulto teso ha le stesse manifestazioni cliniche della sindrome del midollo ancorato con la differenza che dall'esame RMI il cono midollare risulta terminare nella giusta posizione. 

La sindrome del filum terminale occulto teso può essere presente nei pazienti con spina bifida occulta o con Malformazione di Chiari 1.

Diagnosi
La diagnosi di norma viene fatta in base alla risonanza magnetica della colonna vertebrale a livello lombo-sacrale e all'esame clinico.

Sintomi
I sintomi possono includere tutti quelli che si presentano nella sindrome del midollo ancorato: progressiva disfunzione della vescica (incluse incontinenza e ritenzione urinaria), stitichezza cronica o incontinenza fecale, debolezza e disturbi sensoriali alle gambe, anomalie nell'andatura, anormalità dei riflessi , dolore alle gambe alla parte bassa della schiena, scoliosi.

Trattamento
L'intervento chirurgico di resezione del filum terminale in questa contesto è considerato controverso. Alcuni medici preferiscono osservare l'evoluzione dei sintomi nel tempo ed effettuare tests urologici per escludere cause non neurologiche per la disfunzione della vescica.

Inoltre i medici possono tentare trattamenti conservativi prima di considerare un eventuale intervento chirurgico.

http://www.aismac.org/patologie_005.php

_________________
Alessia Massaccesi

La mia storia clinica:
http://imalatiinvisibili.forumattivo.it/t14-la-mia-storia

Alessia Massaccesi

Messaggi : 2123
Data d'iscrizione : 31.05.13
Età : 42
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum