Sindrome di Dravet

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sindrome di Dravet

Messaggio Da Alessia Massaccesi il Lun 30 Giu 2014 - 20:16

Sindrome di Dravet
Sinonimi: Epilessia mioclonica grave del neonato; encefalopatia epilettica refrattaria
La sindrome di Dravet (SD) è un'encefalopatia epilettica refrattaria, che si presenta in neonati altrimenti sani

L'incidenza è stata stimata tra 1/20.000 e 1/40.000. 
La SD è più comune nei maschi rispetto alle femmine (rapporto 2:1). 

Sintomi
L'esordio si verifica nel primo anno di vita con crisi cloniche/toniche-cloniche, monolaterali e generalizzate. Le crisi epilettiche compaiono ogni 1-2 mesi e spesso all'inizio si associano alla febbre. E' comune uno stato epilettico generalizzato o emiclonico

Altri tipi di crisi (di solito mioclonie, assenze atipiche, crisi parziali complesse) si manifestano nel secondo o nel terzo anno di vita e, sebbene la durata di queste crisi diminuisca in questo periodo, la loro frequenza aumenta. 

Sono fattori scatenanti la chiusura degli occhi o la stimolazione con luce intermittente (IPS). 

Decorso
Il decorso della malattia è caratterizzato da ritardo dello sviluppo psicomotorio e dalla comparsa di disturbi del comportamento e atassia. 

È stata osservata anche fotosensibilità. 

Almeno il 25% dei pazienti hanno familiarità per l'epilessia o le convulsioni febbrili. 

Causa
La SD si associa alle mutazioni del gene SCN1A (2q24.3), che codifica per il canale ionico del sodio. Queste mutazioni sono responsabili di almeno due terzi dei casi di SD; di solito si tratta di mutazioni de novo. 

Diagnosi
La diagnosi di SD si basa sul quadro clinico: l'individuazione delle mutazioni di SCN1A non conferma la diagnosi. 

Durante i primi stadi della malattia, l'EEG è normale, le anomalie (onde appuntite e con più punte generalizzate) compaiono a partire dai 2-3 anni. L'associazione tra le crisi epilettiche precoci e gli episodi febbrili può orientare la diagnosi. 

È stata riportata una variante della SD (SMEI, SMEB borderline), caratterizzata da tutti i sintomi clinici della SD, in assenza di crisi miocloniche. 

La diagnosi differenziale si pone con le convulsioni febbrili precoci, la sindrome di Lennox-Gastaut e l'epilessia con crisi miocloniche-astatiche

Terapia
Le crisi epilettiche non rispondono ai farmaci antiepilettici. 

Il valproato e i benzodiazepinici (clobazam) sembrano essere più efficaci. 

Recentemente la terapia con stiripentolo (TAS) ha fornito risultati promettenti: nel gennaio 2007, la TAS ha ottenuto dall'UE l'autorizzazione alla commercializzazione come farmaco orfano adiuvante il trattamento della SD
Sperimentazioni cliniche in corso dimostrano che il topiramato può essere utilizzato nei bambini che non rispondono allo stiripentolo. 
Deve essere evitato l'uso di carbamazepina e vigabatrina, per evitare che le crisi epilettiche si aggravino. 

La presa in carico può prevedere anche la dieta chetogenica, la fisioterapia e la rieducazione del linguaggio. 

Sebbene la frequenza delle crisi diminuisca man mano che il bambino cresce, la prognosi a lungo termine non è buona, a causa del deficit cognitivo e la persistenza dei disturbi del comportamento. 

La SD si associa a un alto rischio di morte improvvisa durante l'infanzia, in particolare tra i 2 e i 4 anni.

http://www.orpha.net/

_________________
Alessia Massaccesi

La mia storia clinica:
http://imalatiinvisibili.forumattivo.it/t14-la-mia-storia
avatar
Alessia Massaccesi

Messaggi : 2123
Data d'iscrizione : 31.05.13
Età : 42
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum