Neuropatia periferica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Neuropatia periferica

Messaggio Da Alessia Massaccesi il Dom 24 Apr 2016 - 15:14

Neuropatia periferica - scheda tecnica del NINDS (NIH)
Cos'è
Si stima che circa 20 milioni di persone negli Stati Uniti hanno una qualche forma di neuropatia periferica, una condizione che si sviluppa a causa di danni al sistema nervoso periferico - la vasta rete di comunicazioni che trasmette informazioni tra il sistema nervoso centrale (il cervello e il midollo spinale) ed ogni altra parte del corpo. (Neuropatia significa malattia dei nervi o danni dei nervi).

I sintomi possono variare da intorpidimento o formicolio, a sensazioni pizzicore (parestesia), o debolezza muscolare. 
Le aree del corpo possono diventare eccessivamente sensibili da portata ad una esperienza esagerataemente intensa o distorta del tatto (allodinia). 

In tali casi, il dolore può verificarsi in risposta a uno stimolo che normalmente non provoca dolore. 

Gravi sintomi possono includere dolore bruciante (soprattutto di notte), atrofia muscolare, paralisi, o organo o disfunzione ghiandolare. 

Danni ai nervi che forniscono gli organi interni può compromettere la digestione, sudorazione, la funzione sessuale e la minzione. Nei casi più estremi, la respirazione può diventare difficile, o può verificarsi insufficienza d'organo.

I nervi periferici inviano le informazioni sensoriali al cervello e il midollo spinale, come ad esempio un messaggio che i piedi sono freddi. I nervi periferici trasportano anche segnali dal cervello e dal midollo spinale ai muscoli per generare il movimento. Danni al sistema nervoso periferico interferiscono con queste connessioni vitali. Come la statica su una linea telefonica, così la neuropatia periferica distorce e talvolta interrompe messaggi tra il cervello e il midollo spinale e il resto del corpo.

Le neuropatie periferiche possono presentare in una varietà di forme e seguire modelli diversi. 

Sintomi
I sintomi possono essere sperimentati in un periodo di giorni, settimane o anni. Possono essere acuti o cronici. 

Nelle neuropatie acute come la sindrome di Guillain-Barré (in cui il sistema immunitario dell'organismo attacca parte del sistema nervoso periferico e altera l'invio e la ricezione segnali nervosi), i sintomi compaiono all'improvviso, progrediscono rapidamente, e si risolve lentamente la guarigione del nervo danneggiato.

Nelle forme croniche, i sintomi iniziano in modo sottile e progrediscono lentamente. Alcune persone possono avere periodi di sollievo seguiti da una ricaduta. Altri possono raggiungere uno stadio di "piana" in cui i sintomi rimangono gli stessi per molti mesi o anni. Molte neuropatie croniche peggiorano nel tempo. Anche se la neuropatia può essere dolorosa e potenzialmente debilitante, veramente poche forme sono fatali.

Nella neuropatia diabetica, una delle forme più comuni di neuropatia periferica, i danni ai nervi si verificano in un modello ascendente. Le prime fibre nervose a non funzionare bene sono quelle che viaggiano più lontano dal cervello e dal midollo spinale. Il dolore e l'intorpidimento, si fanno sentire spesso simmetricamente in entrambi i piedi seguiti da una progressione graduale in entrambe le gambe. Più tardi, le dita, mani e braccia possono diventare colpiti.

Come vengono classificate
Sono stati identificati più di 100 tipi di neuropatia periferica, ognuno con i propri sintomi e la prognosi. 

In generale, le neuropatie periferiche sono classificate secondo il tipo di danni ai nervi. 

Alcune forme di neuropatia comportano danni ad un solo nervo e sono chiamate mononeuropatie. Più spesso però, sono colpiti più i nervi, chiamati polineuropatie.

Alcune neuropatie periferiche sono dovute al danneggiamento degli assoni (parti filiformi lunghe della cellula nervosa), mentre altre sono causa da danni alla guaina mielinica, la proteina grassa che riveste e isola l'assone. 

Le Neuropatie periferiche possono anche essere causate da una combinazione di entrambe: danno assonale e demielinizzazione

Studi elettrodiagnostici possono aiutare gli operatori sanitari a determinare il tipo di danno in questione.

Quali sono i sintomi dei danni ai nervi periferici?
I sintomi variano a seconda che i nervi danneggiata sono motori, sensoriali o autonomi. 

  • nervi motori controllano il movimento volontario dei muscoli, come quelli usati per camminare, afferrare le cose, o parlare;
  • nervi sensoriali trasmettono informazioni come la sensazione di un tocco leggero o il dolore da un taglio;
  • nervi autonomi controllano le attività degli organi che sono regolati automaticamente come la respirazione, la digestione del cibo, il cuore e le funzioni ghiandolari. 

Alcune neuropatie possono interessare tutti e tre i tipi di nervi; altre riguardano soprattutto uno o due tipi. 

I medici per descrivere i tipi di nervi coinvolti nella condizione di un individuo possono usare termini come neuropatia prevalentemente motorianeuropatia prevalentemente sensorialeneuropatia sensitivo-motoria, o neuropatia autonomica 

  • danno ai nervi motori;
  • danno ai nervi sensoriali;
  • danno ai nervi autonomi.

Cosa causa la neuropatia periferica
La neuropatia periferica può essere sia ereditaria o acquisita attraverso processi di una malattia o di un trauma. In molti casi, tuttavia, non può essere identificata una causa specifici. I medici di solito si riferiscono a neuropatie senza causa conosciuta definendole come idiopatiche.
Le cause di neuropatia periferica acquisita includono:
Danni fisici (trauma) sono la causa più comune delle lesioni acquisite del nervo.

  • Lesioni o traumi improvvisi;
  • stress ripetitivo (continuo).

Malattie o disturbi e i relativi processi (come l'infiammazione) possono essere associati a neuropatia periferica.

  • disordini metabolici ed endocrini;
  • malattia dei piccoli vasi;
  • malattie autoimmuni;
  • disturbi renali:
  • cancro;
  • neuromi;
  • infezioni.

L'esposizione a tossine può danneggiare i nervi e causare neuropatia periferica

  • tossicità di farmaci;
  • tossine ambientali o industriali;
  • abuso di alcol.

Come viene diagnosticata la neuropatia periferica?
I sintomi della neuropatia periferica sono molto variabili. E' necessario un esame neurologico completo per risolvere la causa dei sintomi e comprende l'anamnesi di una lunga storia medica (che copre i sintomi, l'ambiente di lavoro, le abitudini sociali, l'esposizione a sostanze tossiche, l'uso di alcol, il rischio di HIV o altre malattie infettive, e la storia familiare di malattie neurologiche). Inoltre, i test sono di solito eseguiti per identificare la causa della neuropatia, nonché l'entità e la tipologia dei danni ai nervi.

Un esame fisico e varie prove possono rivelare la presenza di una malattia sistemica che causa il danno ai nervi. Le prove di forza muscolare, così come la prova di crampi e fascicolazioni, indicano il coinvolgimento delle fibre dei nervi motori. La valutazione della capacità della persona di percepire le vibrazioni, un tocco leggero, la posizione del corpo, la temperatura e il dolore rivela eventuali danni ai nervi sensoriali e può indicare se sono interessate le piccoli o grandi fibre nervose sensoriali.

Gli esami del sangue possono rilevare il diabete, le carenze vitaminiche, del fegato o una disfunzione renale, altri disordini metabolici, e segni di anormale attività del sistema immunitario. 

Un esame del liquido cerebrospinale che circonda il cervello e il midollo spinale può rivelare la presenza di anticorpi anomali associati con alcune neuropatie immunomediate. 

Test più specializzati possono rivelare altre malattie del sangue o cardiovascolaridisturbi del tessuto connettivo, o neoplasie

I test genetici sono sempre disponibili per un certo numero di neuropatie ereditarie.

Sulla base dei risultati dell'esame neurologico, dell'esame fisico, della storia del paziente, e di qualsiasi screening o test precedente, possono essere richiesti i seguenti test aggiuntivi  per determinare la natura e la portata della neuropatia:

  • il Test della velocità di conduzione del nervo (NCV) è in grado di misurare il grado di danno nelle grandi fibre nervose, rivelando se i sintomi sono causati da degenerazione della guaina mielinica o l'assone. Il rivestimento della mielina è responsabile della velocità molto veloce della conduzione nervosa. Durante questo test, una sonda stimola elettricamente una fibra nervosa, che risponde generando un proprio impulso elettrico. Un elettrodo posto lungo la via nervosa misura la velocità di trasmissione dell'impulso lungo l'assone. La velocità di trasmissione lenta e blocco dell'impulso tendono ad indicare i danni alla guaina mielinica, mentre una riduzione nella forza degli impulsi a normali velocità è un segno di degenerazione assonale;

  • la Elettromiografia (EMG) comporta l'inserimento di un ago sottile in un muscolo per registrare l'attività elettrica quando i muscoli sono a riposo e quando si contraggono. Il test EMG rileva l'anomala attività elettrica nella neuropatia motoria e può aiutare a differenziare tra i disturbi dei muscoli e dei nervi;

  • la Risonanza magnetica (MRI) può mostrare la qualità dei muscoli e le loro dimensioni, rileva la sostituzione di tessuto muscolare con tessuto adiposo, e può aiutare a escludere tumori, ernie del disco, o altre anomalie che possono causare la neuropatia.

  • Biopsia del nervo comporta la rimozione e l'esame di un campione di tessuto nervoso, il più delle volte dalla parte inferiore della gamba. Anche se questo test può fornire preziose informazioni circa il grado di danni ai nervi, si tratta di una procedura invasiva che è difficile da eseguire e essa stessa può causare effetti neuropatici indesiderati;

  • la Biopsia cutanea è un test in cui i medici rimuoveono un campione sottile di pelle ed esaminano le terminazioni idelle fibre nervose. Questo test offre alcuni vantaggi unici rispetto al test NCV e alla biopsia del nervo. A differenza della  NCV, si possono rivelare i danni presenti nelle fibre più piccole; in contrasto alla tradizionale biopsia del nervo, la biopsia della pelle è meno invasiva, ha meno effetti collaterali, ed è più facile da eseguire.

Per maggiori informazioni: http://www.ninds.nih.gov/disorders/peripheralneuropathy/detail_peripheralneuropathy.htm e 
https://www.gbhealthwatch.com/peripheralnervedisorders-details.php

_________________
Alessia Massaccesi

La mia storia clinica:
http://imalatiinvisibili.forumattivo.it/t14-la-mia-storia

Alessia Massaccesi

Messaggi : 2123
Data d'iscrizione : 31.05.13
Età : 42
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum