Atrofia muscolare spinale prossimale tipo 1 (SMA1/SMAI)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Atrofia muscolare spinale prossimale tipo 1 (SMA1/SMAI)

Messaggio Da Alessia Massaccesi il Mar 18 Feb 2014 - 21:27

Atrofia muscolare spinale prossimale tipo 1 (SMA1/SMAI)

Grave forma infantile di atrofia muscolare spinale prossimale
Sinonimi: Atrofia muscolare spinale infantile; Malattia di Werdnig-Hoffmann; SMA-I; SMA1.

L'atrofia muscolare spinale prossimale tipo 1 (SMA1/SMAI) è una grave forma infantile di atrofia muscolare spinale prossimale caratterizzata da importante e progressiva debolezza muscolare e ipotonia da degenerazione e perdita dei motoneuroni delle corna anteriori del midollo spinale e dei nuclei del tronco encefalo

La prevalenza è stimata attorno a 1/80.000 e l'incidenza annuale in 1/10.000

La patologia è leggermente più frequente nei maschi rispetto alle femmine.

Esordio
L'esordio avviene prima dei 6 mesi di vita (generalmente prima dei 3 mesi)

Sintomi
La debolezza muscolare grave (quasi sempre simmetrica) interessa dapprima prossimalmente gli arti e poi progressivamente le estremità distali (mani e piedi). Il pianto è debole

Sono comuni la suzione ipovalida e i disturbi della deglutizione, con conseguenti difficoltà all'alimentazione. I riflessi tendinei profondi sono assenti. È comune l'insufficienza respiratoria

Possono essere presenti lievi contratture (delle ginocchia e, più raramente, dei gomiti) e la scoliosi

I pazienti non sono in grado di sedere senza supporto e non raggiungono mai la deambulazione. 

Cause
Analogamente alle altre forme di SMA, la SMA1 è in primo luogo causata dalle delezioni omozigoti del gene SMN1 (5q12.2-q13.3) che codifica per la proteina SMN (survival motor neuron). Pur con qualche eccezione, la gravità della malattia correla inversamente con il numero delle copie del secondo gene SMN (SMN2; 5q13.2)

I pazienti con SMA1 hanno un numero basso di copie di SMN2 (1 o 2). 

Nei pazienti con SMA1 sono state identificate anche delezioni del gene NAIP (5q13.1), che possono modificare la gravità della malattia

Trasmissione
La trasmissione è autosomica recessiva, ma può essere causata da mutazioni de novo in circa il 2% dei casi

Diagnosi
La diagnosi si basa sulla storia e sulla valutazione clinica e può essere confermata dall'analisi genetica

Diagnosi differenziale
La diagnosi differenziale si pone con la SMA2/SMAII, le distrofie muscolari congenite, le miopatie congenite, alcune patologie mitocondriali a esordio precoce e le malattie del metabolismo dei carboidrati

Diagnosi prenatale
La diagnosi prenatale è possibile con l'analisi molecolare sugli amniociti o sui villi coriali

La consulenza genetica dovrebbe essere offerta a tutte le famiglie

Sperimentazioni e trattamento
Sono in corso sperimentazioni cliniche, per identificare potenziali trattamenti farmacologici, principalmente rivolti ad aumentare i livelli della proteina SMN a lunghezza completa. Tuttavia, al momento, il trattamento resta sintomatico e si basa su un approccio multidisciplinare finalizzato a migliorare la qualità della vita

È necessario un supporto respiratorio ed è raccomandata la fisioterapia

Possono essere utili la ventilazione non invasiva e la gastrostomia

La terapia antibiotica è utile solo nel caso di infezioni polmonari

Prognosi
La prognosi è di solito infausta, in quanto molti pazienti muoiono nei primi due anni di vita per insufficienza respiratoria. Tuttavia, in alcuni casi, i sintomi sono stabili o regrediscono e i pazienti possono vivere più a lungo.

http://www.orpha.net/

_________________
Alessia Massaccesi

La mia storia clinica:
http://imalatiinvisibili.forumattivo.it/t14-la-mia-storia

Alessia Massaccesi

Messaggi : 2123
Data d'iscrizione : 31.05.13
Età : 42
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum